A A A
RIPETI ANCHE TU QUESTA GITAFOTO PRECEDENTIREPERTORIOITINERARIO
CORREGGI LA TUA GITAGITE PRECEDENTITRACCE GPSPANO 360°
 C'ERO ANCH'IO IN QUESTA GITASTAMPAAIUTO
  
Nome gitaGELAS (MONTE) - DAL RIFUGIO DEL PRAIET :: (m. 3143 IGN) 
Valle :: ZonaValle Gesso :: Alpi Marittime 
Localita partenzaS. Giacomo (m. 1213) 
Accesso stradaleCUNEO - Borgo S.D. - Valdieri - bivio sx - bivio dx 
Dislivello totale1930 metri
EsposizioneNO,O,N 
DifficoltàOSA 
Note gitaE' noto come Monte Bianco delle Marittime ed è la cima più alta della Marittime sullo spartiacque italo-francese. 
Data  domenica 28 maggio 2017 Giudizio  4    
Autore  Ugo Bottari
Meteosereno in mattinata; poi rannuvolamenti e visibilità 2 Km 
Località eff. part.Parcheggio dei Cannoni 
Percorribil. stradanulla da segnalare 
Portagesalita90 minuti
discesa60 minuti
Dislivello effettivo1968 metri
Qualità
neve
Primaverile morbida liscia
Primaverile morbida liscia - con qualche ondulazione
Estiva compatta - con qualche ondulazione
Altezza
neve
50 cm
0 cm
Pericolo valanghe
Scala Aineva   : non indicata   
Dettagli : nessun pericolo, neanche di slavinamenti superficiali
Note effettuazione
Abbiamo percorso l'itinerario di salita, più lungo ma più facile, che prevede il passaggio attraverso la Forcella Roccati ed il Colletto S. Robert.
La neve inizia a 15' dal rifugio ma per raggiungere quella continua bisogna camminare altri 10 minuti; poi l'innevamente è più che sufficiente e, tranne la discesa spoglia di neve di una settantina di metri oltre la Forcella Roccati e la seguente discesa, altrettanto spoglia di neve, di circa 60 m oltre il colletto S. Robert si arriva al canale est che divide le 2 cime dei Gelas alternando tratti con gli sci ai piedi a tratti in cui è giocoforza indossare i ramponi (specie nel canalino di S. Robert che presentava neve ben ramponabile, persino troppo dura).
Il percorso è quindi complesso, sia all'andata che al ritorno, avvenuto ad un'ora abbastanza tarda (intorno alle 14/15) ma la neve ha risentito se non in modo benefico di questo nostro lento procedere: il canalino di S. Robert era ad esempio in condizioni pressochè perfette e assai facile da sciare.
Quello che viceversa non era in buone condizioni era il canala est dei Gelas; qui con nostro (soprattutto mio) dispiacere abbiamo abbandonato gli sci alla sua base e con un po' di fatica lo abbiamo asceso fra vecchie traccie, buche, piccoli crepacci e quant'altro. Peccato ! 
Note compagniaCarla, Manuela 
Affollamentonessuno. Agatino al Colle di Finestra e 6 liguri alla Maledia 
Foto della gita
alias personali
Sotto la forcella Roccati
Salendo alla Forcella Roccati
Traverso oltre il Colletto S, Robert
Ultimi metri di neve prima dell'ascesa su roccia
Il vincitore di tappa attorniato dalle miss, anch'esse vincitrici
   
Questa scheda è stata visualizzata 1030 volte
COMMENTI  (non c'è ancora alcun commento registrato di questa gita. Vuoi aggiungerne tu uno ?)
In questa stagione ci sono già state 2 effettuazioni registrate di questa gita. Eccole qui sotto in ordine cronologico, dalla più recente alla meno recente.
N.Data
effett.
Giud.
(0-5)
Qualità neve
in alto (), a metà () e in basso ()
Altezza neve
in quota (), a metà () e alla partenza ()
Autore
segnalazione
28/054 Primaverile morbida liscia
Primaverile morbida liscia - con qualche ondulazione
Estiva compatta - con qualche ondulazione
50 cm

0 cm
Ugo Bottari
22/045 Primaverile morbida liscia
Primaverile morbida liscia
Primaverile morbida liscia
60 cm
40 cm
20 cm
Marco Reineri

Itinerario
Viene qui descritta sommariamente la via di salita sciistica al Monte Gelas, con partenza dal Piano del Praiet.
Si sale lungo la gorgia della Maura superando un paio di rampe più ripide, fino a passare nei pressi della Pera de Fener ove si ha la magnifica visione del cosiddetto Canale degli Italiani (45-50 gradi).
Lo si sale sci ai piedi fin dove possibile e poi, legati gli sci sullo zaino, si prosegue con picozza e ramponi raggiungendo la cresta; questo punto è denominato Balcone dei Gelas (3085 m).
Da qui con un percorso di roccia si può arrivare direttamente sulla cima N dei Gelas, la più alta.
E' però sciisticamente più interessante, giunti sul Balcone dei Gelas, togliere le pelli e divallare per 100-150 metri fino ad arrivare sulla verticale del caratteristico canale E; lo si risale a piedi (ramponi e picozza) fino ad arrivare alla forcella esistente fra le due vette, la S a sinistra e la N a destra. Alla forcella si lasciano gli sci e si sale (qualche facile passaggio di roccia) sulla Cima N dei Gelas, a destra. 
Discesa
Lungo il percorso di salita, con la dovuta prudenza specie nei primi metri del canale N, frequentemente ghiacciati (45-50 gradi) e spesso con pietre affioranti.
Un percorso oltremodo interessante è viceversa il seguente: giunti alla base del canale Est girare verso destra scendendo fino alla Terrazza dei Gelas. Effettuare un traverso verso il Colletto di St. Robert, scenderlo (ripido, ca. 45 gradi) e, dopo un ulteriore spostamente in traversata, risalire brevemente (50 m) alla forcella Roccati (intaglio di destra), per poi ricongiungersi all'itinerio di salita in qualche punto del canale (o gorgia) della Maura.
Il canale est presenta pendenze di circa 40 gradi ed accentua la sua pendenza fino a raggiungere i 45 gradi nel tratto più in basso, al suo inizio. La lunghezza è inferiore ai 150 metri. 
Se riscontri degli errori in questa scheda, qualsiasi tipo di errore, sei pregato di segnalarlo con questo modulo. Grazie ![ 78 ms ]
Riguardo . . .
... S. Giacomo
  Previsioni del tempo
  Elenco gite valle Valle Gesso
  Nivometri della valle/zona
  Mappa delle gite effettuabili
  Accesso autostradale
... Ugo Bottari
  Chiedi maggiori informazioni
  Elenco delle sue gite in questa stagione
  Mappa delle sue gite in questa stagione
  Galleria di tutte le sue fotografie
... le tue prossime gite
  Bollettino valanghe AINEVA
  Previsioni neve AINEVA
  Qualita e altezza neve delle ultime 20 gite
... GELAS (MONTE) anche da ...
  Madone de Fenetre (rifugio) (F) (Vésubie)
  S. Giacomo (Valle Gesso)
  DAL RIFUGIO PAGARI