A A A
RIPETI ANCHE TU QUESTA GITAFOTO PRECEDENTIREPERTORIOITINERARIO
CORREGGI LA TUA GITAGITE PRECEDENTITRACCE GPSPANO 360°
 C'ERO ANCH'IO IN QUESTA GITASTAMPAAIUTO
 
Nome gitaBIANCA (ROCCA) - Traversata Villa - Vallone di Crosetto :: (m. 2379) 
Valle :: ZonaVal Germanasca :: Alpi Cozie 
Localita partenzaPrali - Villa (m. 1392) 
Accesso stradaleTORINO - Pinerolo - bivio Perosa Argentina - Perrero 
Dislivello totale987 metri
EsposizioneNO,O 
DifficoltàBS 
Classificaz. Volo2.2/E1 
Attrezzat. necess.Rampant a volte utili 
Note gitaStupenda traversata nella selvaggia Val Germanasca che non presenta grandi problemi logistici. La discesa dalla Colletta Sellar va affrontata solo con neve ASSOLUTAMENTE sicura e abbondante. Dislivello negativo 1160 m, Esposizione N. 
Questa gita non è presente nell'archivio delle effettuazioni della corrente stagione sciistica (la 2019/2020).
Se lo desideri puoi consultare l'archivio delle precedenti effettuazioni (pulsante GITE PRECEDENTI).
Itinerario
Prima di iniziare la gita va lasciata un auto nei pressi del ponte della Gianna, bivio x Crosetto (5 posti auto prima del ponte, ampio parcheggio poco oltre il ponte). Si prosegue in auto fino a Villa di Prali dove si parcheggia. Attraversate le case di Villa si svolta a sinistra (direzione SE) e per dossi e canali boscosi si raggiungono le casa Sapatlé 1773 m. Si continua in direzione E lungo un ampio spallone del bosco fino a incrociare la strada delle cave. La si segue fino a raggiungere le case dei minatori di quota 1943 m. Qui si abbandona la strada e per dossi e vallette, cercando il percorso più sicuro, si sale verso la quota 2352 a Sud del Colle delle Balme. Poco prima di suddetta quota svoltiamo a sinistra in direzione NE e con lungo diagonale (breve discesa) si arriva al Colle delle Balme 2310 m. Dal colle si segue la cresta SO fino alla croce di vetta. 
Discesa
Dalla vetta si scendono pochi metri si fa un breve taglio in direzione N poi si scende lo stupendo pendio NO in direzione della Colletta Sellar (rudere). Da qui il ripido scivolo NE fino a quota 1800 m circa (ATTENZIONE possibili distacchi). Si scende verso le Case di Crosetto sfruttando prima la vecchia mulattiera della miniera poi quando i pendii si fanno più ampi e sciabili senza percorso obbligato si giunge alla borgata. Dalle Case si scende lungo la strada bianca (tagliando i tornanti dov'è possibile) fino alla provinciale nei pressi del ponte della Gianna. 
RiferimentiScialpinismo in Val Chisone Val Pellice e Val Germanasca di Stefania Sada ed Fraternali 
FonteGiuseppe Traficante 
Se riscontri degli errori in questa scheda, qualsiasi tipo di errore, sei pregato di segnalarlo con questo modulo. Grazie ![ 171 ms ]