Nelle stagioni scialpinistiche precedenti questa gita è stata effettuata in queste occasioni :
Località di partenza
Data effettuazione
Autore segnalazione
Giud.
(1-5)
Qualità neve
(alto - metà - basso)
Altezza neve
(in quota - metà - partenza)
Estoul
12/04/2015
Roberto Mandirola
5-
-
-pista battuta
-
-
-solo sulla pista neve cotinua
Note : Condizioni ottimali. Si sale su neve continua ma in basso utilizzando le piste ed ancora per poco. Canale di risalita al colle di Valnera senza problemi. Si arriva a pochi metri sci ai piedi in vetta. Buona tenuta della neve in discesa (12.30). 
Estoul
10/02/2007
Giuseppe Traficante
2-Varia, tendezialmente crosta, a N brevi tratti di farina
-
-Piste in buone condizioni (neve sparata)
-Nel vallone 40-50cm, 10cm in basso
-
-
Note : Ottima intuzione meteorologica, discreta visibilità in salita e buona in discesa, ma la neve...... brutta forte, specie in alto. Pazienza, tutto sommato ci siamo divertiti comunque. 
Estoul
03/02/2007
Edgardo Ferrero
3-crosta morbida
-
-primaverile
-mediamente 40 cm
-
-
Note : Partiti con gli sci ai piedi dalla strada asfaltata circa 400 mt. oltre gli impianti di Palasina. Raggiunta la vetta in traversata scavalcando il colletto a sin della punta Valnera che abbiamo salito. Inizialmente per terreni ripidi e con poca neve (a sin del rio Chamen) poi con innevamento continuo da circa quota 2100. Dal colletto si perdono circa 70 mt. Quando si inizia a risalire, per raggiungere la punta Valfredda mettere in conto ancora poco più di 300 mt. Scesi direttamente dalla vetta puntando al ripido valloncello alla base del Monte Bieteron. Poi, rapida stradina innevata che si congiunge alle piste e di qui ad Estoul. Tutto il percorso richiede neve sicura 
Estoul
23/02/2003
Paolo Pederzini
4-Farina pesante, crosta "gentile"
-
-
-Abbondante
-
-
Note : Giornata bellissima, salita fatta direttamente sulla parete sud per godere il sole, un passo delicato, discesa per il canale della classica sotto la punta Valnera. Della neve ho detto, aggiungo la piacevole sorpresa di un traverso senza mai spingere per noi con gli sci, altra cosa per le tavole.