Nelle stagioni scialpinistiche precedenti questa gita è stata effettuata in queste occasioni :
Località di partenza
Data effettuazione
Autore segnalazione
Giud.
(1-5)
Qualità neve
(alto - metà - basso)
Altezza neve
(in quota - metà - partenza)
Punta Indren (arrivo funivia)
26/06/2010
Beppe Puddu
5-trasformata primaverile
-
-in graduale ammollamento nelle ore calde
-abbondante
-
-
Note : Ottima riuscita del Gitone al Rosa a cominciare dal famoso san ku.... , che è, da sempre, una componente indispensabile per la positiva riuscita di qualsiasi gitao escursione. Abbiamo infatti rimediato ben 3 giorni di buon tempo, con neve ghiacciata al mattino, trasformata dopo le 10/11 e, ovviamente, sfatta nel pomeriggio, quando però (quasi tutti) eravamo già a prendere il sole al rifugio e con addensamenti nuvolosi con cenni di nevischio la sera e la notte. I crepacci sono ancora ben occlusi (salvo quelli grossi ben visibili) tanto che non c'è mai stata la minima necessità di legarci od utilizzare le corde. Comunque tutti i partecipanti erano adeguatamente attrezzati. Il sabato alla Vincent eravamo in 30, per cui ci siamo organizzati preventivamente con la collaudata tecnica dei sottogruppi autonomi con a base i componenti delle singole auto (con spostamenti tra sottogruppi da concordarsi tra i sottogruppi interessati). Perfetta riuscita, nessuno è stato lasciato da solo a gironzolare tra i ghiacciai, ogni sottogruppo ha pensato autonomamente a stare in contatto o ad accompagnare chi rimaneva indietro. Abbiamo (pressochè tutti) salito la Piramide Vincent (m. 4.215): partendo con gli impianti da Staffal (m. 1.820) fino a Punta Indren (m. 3.200), la salita è risultata per diversi un pò faticosa, lo sbalzo di quota ha prodotto i suoi naturali problemi. In discesa (il mio sottogrupo ha iniziato la discesa verso le 13.15) ottima neve, ben trasformata e soprattutto ancora non sfatta, fino ai 3600 del Rifugio Gnifetti dove abbiamo pernottato. 
Arrivo funivia di Punta Indren
04/07/2004
Sonia Balbis
4-un po' ventata dura sulla cima, poi primaverile
-
-
-buona
-
-
Note : Bella gita e primo 4000 per me e dani. I ramponi sono stati utili nel salire il canale che c'è subito dopo il traverso che bisogna effettuare una volta scesi dalla seggiovia. Neve un po' dura negli ultimissimi metri di salita alla cima. da qui, scesi nuovamente al colle siamo risaliti al Balmenhorn, il tutto per un dislivello totale di ca 1050 m. Divertente e ultima sciata su neve dapprima duretta, poi preimaverile, con una patina di qualche cm molle su fondo duro. i crepacci sono ancora praticamente tutti chiusi. Un salutone a Lucia, Antonello e Paola.