Nelle stagioni scialpinistiche precedenti questa gita è stata effettuata in queste occasioni :
Località di partenza
Data effettuazione
Autore segnalazione
Giud.
(1-5)
Qualità neve
(alto - metà - basso)
Altezza neve
(in quota - metà - partenza)
Colla di Valcasotto
27/01/2015
Corrado Corradino
1-poca neve su lastre di Ghiaccio
-neve sciabile ma presenza di boschina bassa
-poca neve su ghiaccio e pietre
-
-
-
Note : PARTITI DALLA COLLA DI Valcasotto . PRESO IL SENTIERO CHE PORTA AL RIFUGIO SAVONA POI A DX PER MONTE BERLINO . GITA DA SCONSIGLIARE PER LA PERICOLOSITA' DELLA DISCESA CON LASTRONI CONTINUI DI GHIACCIO E POCA NEVE 
Colla di Casotto
06/12/2013
Gianrico Delfino
4-Farina pesante
-
-Primaverile (verso il rif.Savona)
-
-
-
Note : Seguito un percorso un po' diverso : partenza dalla Colla di Casotto, salita fatta inizialmente per le piste ( impianti chiusi, apriranno domani ), scavalcato il crinale all'altezza del Monte Berlino, discesa sul rif.Savona su ottima neve primaverile. Al rifugio rimesse le pelli e salito al Mussiglione. Di qui discesa in parte per le piste e in parte su pendii ancora intonsi ( o quasi). 
colla casotto 1381
12/02/2012
Marco Scrimaglio
3-recente secca
-
-recente secca
-abbondante
-
-
Note : Impianti chiusi. Dalla colla di Casotto abbiamo perso circa 60 mt di quota, passando subito a monte della tavola calda, fino alla partenza dell'impianto Rocce Biache. Da lì battitura fino a metà coscia fino alla stazione intermedia; dopo abbiamo seguito la traccia di quattro skialp che ci avevano preceduto. Neve splendida: troppa!! non lavorata dal vento, che seppur di ottima qualità e tenendo la linea di massima pendenza, a chi scendeva per primo per rompere il manto impediva di fare curve. Probabilmente chi è passato dopo se l'è goduta molto di più. Discesa su itinerario di salita. Nel complesso però visto l'ambiente e la giornata inaspettata, gita breve ma molto piacevole. 
colla di Garessio 2000
18/01/2009
Daniele Sclavo
4-variabile
-
-variabile
-abbondante
-
-
Note : In realtà abbiamo fatto un giro itinerante partendo dalla Colla di Garessio 2000. Abbiamo risalito le piste di fino ad arrivare al Monte Grosso, da qui abbiamo sceso il canale e poi i pendii sottostanti passando per il rifugio Savona, scendendo poi sino a Valdinferno. Da qui siamo risaliti al Monte Berlino e poi al Monte Mussiglione. Discesa in farina sin sotto al Rifugio Manolino. Siamo risaliti poi a Colla Bassa e da qui, sci in zaino (per movimentare un po il giro) per cresta sin al Monte Grosso. Siamo poi scesi nella pista più diretta per il fondovalle... rimesso le pelli abbiamo salito un'altra pista e poi giù alla macchina. Nel complesso abbiamo trovato neve bella, in pochi tratti crostosa ma sciabile. 
Colla di Valcasotto mt 1386
30/12/2007
Corrado Corradino
3-farinosa compattata dal vento
-
-crosta rigelo non portante
-ottima versante nord ,scarsa versante sud
-
-
Note : Inizio giornata con sole velato . Imboccato sentiero verso in rifugio Savona . Uscendo dal bosco deviazione a destra verso monte Berlino. Qui vento forte freddo intenso difficolta a procedere. seguita la cresta verso il monte Mussiglione stando lato nord. Fermato per freddo e tormenta sotto il monte Grosso a 1947 mt alla quota circa del monte Mussiglione Inizio discesa difficoltoso per la visibilità scarsa , per il vento e per la tormenta. 200 mt sotto buona visibilità e stupenda discesa su pista battuta fino alla colla di Valcasotto . Dislivello effettuato circa 570mt 
Colla di Casotto 1350 m circa
05/03/2006
Sonia Balbis
2-varia, da ventata, a compatta, a crosta
-
-piste battute
-abbondante
-
-
Note : Partiti dalla Colla di Casotto, presso gli impianti di Garessio 2000, siamo saliti, in parte lungo le piste, fino al Monte Grosso, 2007 m. Da lì, siamo poi scesi, in direzione del Rifugio Manolino, fino a quota 1847 m circa, su neve prima farinosa accumulata dal vento, poi compatta e via via crostosa. Rimesse le pelli, abbiamo raggiunto la sommità del Monte Praietto, (adiacente al Mussiglione e praticamente di pari quota), per poi ridiscendere nuovamente, variando un po' l'esposizione del pendio, sempre verso la Val Casotto, fino a quota 1777 m, fino a che la neve risultava accettabile. Siamo poi risaliti al Monte Mussiglione, poi con un traverso, abbiamo raggiunto il Monte Berlino, punto di arrivo di un vecchio impianto dismesso e da lì ci siamo ricollegati alle piste e raggiunto l'auto. Non contenti, abbiamo deciso di raggiungere nuovamente il Berlino, passando da un altro percorso (pista non battuta), per un dislivello di circa 400 m.