Nelle stagioni scialpinistiche precedenti questa gita è stata effettuata in queste occasioni :
Località di partenza
Data effettuazione
Autore segnalazione
Giud.
(1-5)
Qualità neve
(alto - metà - basso)
Altezza neve
(in quota - metà - partenza)
S. Giacomo di Demonte
08/03/2018
Ugo Bottari
4-
-a nord
-qualche tratto con lieve crosta
-sembra che il vento non abbia ancora spazzolato le creste e le cime
-
-
Note : Siamo saliti lungo una ottima traccia verso Pian Gardon e poi, per cresta, sulla cima. In discesa abbiamo seguito una dozzina di tracce precedenti ma, tenendosi a lato di esse, preferibilmente sulla sinistra (scendendo) c'erano amplissimi spazi per fare ottime curve su una farina leggera, costante come qualità. Più in basso bisogna giocoforza spostarsi sulla sinistra seguendo a tratti delle tracce che attraversavano più o meno orizzontalmente il pendio, a mezza costa. Ancora ottime curve a metà discesa, ma l'itinerario presenta qualche minima difficoltà nella scelta del percorso più remunerativo, fino ad arrivare a Fontana Madama. La strada - ottimamente innevata - aveva una veloce neve simil-primaverile che i precedenti sciatori avevano contribuito a lisciare. 
San Giacomo
21/12/2013
Franco Giraudo
3-farina
-
-farina umida
-
-
-
Note : Condizioni della montagna buone; aperto la traccia dal pianoro in poi (la stradina era già stata tracciata probabilmente da Riccardo). Visibilità piatta, neve nel complesso dignitosa però poca. Sarò magnanimo, darò 3 sci. 
S. Giacomo
12/12/2012
Roberto Dolfini
3-farina alternata a crosta non portante
-
-stradina battuta
-buona copertura
-
-
Note : Giornata spettacolare e gran freddo ottima traccia ,seguito il percorso di cresta con qualche monta e cala. Sulla cima brezza fastidiosa. La discesa discreta, seguito alcuni valloni ben arati con neve farinosa e tratti di crosta anche nelle zone in ombra. Poco sopra l'alpe Sella traverso a sx per ricongiungerci al percorso di salita e seguendo le radure nella boschina riparate dal vento ,ottima neve farinosa sino al ponticello, poi pista battuta 
San Giacomo
09/12/2012
Dario Adamo
4-farina
-
-pista- strada battute
-dai 20 cm al metro
-
-
Note : in salita abbiamo seguito la traccia che porta al Gias della Sella -un po' troppo munta-cala - in discesa dopo lo splenidido vallonetto all'ombra a sud del Grum, siamo risaliti verso la costa sotto al gias Gardun , ma qui eran già passati gli eserciti lasciando pesanti tracce di aratura. Comunque la parte alta è molto bella 
S. Giacomo (Demonte)
02/04/2011
Corrado Corradino
3-buon rigelo in alto
-
-molle pesante e granulosa in basso
-assente sui versanti sud fino ai 1700 mt abbondante a N e a O
-
-
Note : Gita esplorativa per trovare i migliori passaggi visto che i versanti sud (sotto la punta dell'Omo) di accesso alla zona superiore erano senza neve. Ci siamo infilati sul ripido, tra radi faggi per poi ridiscendere nella Gorgia detta Dei Morti flagellata da precedenti devastanti vecchie e ciclopiche valanghe. Discesa sul tardi verso le 13.30. Ci siamo lanciati sulla linea di massima pendenza nel ripido tratto iniziale con ottimo "firn". Poi dopo un tratto breve di neve difficile abbiamo trovato neve pesante bagnata e granulosa che pur sfondosa ci ha permesso ottime curve. Pertanto gita un pò avventurosa ma di piena soddisfazione eseguita per la prima volta e con Sandro che mi farà avere il tracciato GPS. 
S. Giacomo (Demonte)
31/03/2011
Andrea Mori
4-primaverile
-
-primaverile
-abbondante in alto sufficiente sulla stradina
-
-
Note : Si parte con aria di primavera sci ai piedi sulla stradina ancora ben innevata, dai mt 2000 circa due dita/una spanna di neve fresca e ambiente ancora invernale con la cresta che unisce il Grum e il Bram difesa ancora da maestose cornici. Temperatura mai troppo calda e discesa nel vallone di Piano Gordon rivolto a ponente dove la neve tiene decisamente meglio. Qualche ravanamento nel tratto finale essendo riusciti a ficcarci in una gorgia ma nel complesso ancora una bella sciata su una gita "invernale". . 
S. Giacomo (Demonte)
04/12/2010
Ugo Bottari
3-farina con qualche zona di ventata morbida
-
-farina
-sufficiente in basso; molta in alto
-
-
Note : Molti scialpinisti nella conca a monte di S. Giacomo e quindi tutte le piste che portano alle varie mete sono già tracciate. Noi ci siamo diretti verso il Monte Grum passando però dalla regione Piano Gardon e dall'anticima 2257. C'è da fare una piccola discesa ed un lungo traverso ma almeno la pista era ottimamente già tracciata. Dal Monte Grum siamo scesi direttamente verso il Gias della Sella su ampi pendii quasi vergini con ottima farina intervallata da rare zone di ventata morbida e profonda. Costeggiando la "Sorgia dei Morti" (tocca ferro !) siamo arrivati allo sterrato e da qui con un lunghissimo traverso quasi in piano ci siamo portati sui pendii che conducono al Monte Omo. Da qui in giù abbiamo trovato ancora ottima neve farinosa e, facendo attenzione a qualche pietra, siamo arrivati alla Fontana Madama. Poi - quasi come in pista - a S. Giacomo. Giro lungo che ci ha però consentito di spaziare su quasi tutta la conca del Gorfi. L'innevamento è più che sufficiente ma un po' di altra neve non guasterebbe. 
S. Giacomo (Demonte)
04/12/2010
Marin Botanica
3-farina con qualche zona di ventata morbida
-
-farina
-sufficiente in basso; molta in alto
-
-
Note : Molti scialpinisti nella conca a monte di S. Giacomo e quindi tutte le piste che portano alle varie mete sono già tracciate. Noi ci siamo diretti verso il Monte Grum passando però dalla regione Piano Gardon e dall'anticima 2257. C'è da fare una piccola discesa ed un lungo traverso ma almeno la pista era ottimamente già tracciata. Dal Monte Grum siamo scesi direttamente verso il Gias della Sella su ampi pendii quasi vergini con ottima farina intervallata da rare zone di ventata morbida e profonda. Costeggiando la "Sorgia dei Morti" (tocca ferro !) siamo arrivati allo sterrato e da qui con un lunghissimo traverso quasi in piano ci siamo portati sui pendii che conducono al Monte Omo. Da qui in giù abbiamo trovato ancora ottima neve farinosa e, facendo attenzione a qualche pietra, siamo arrivati alla Fontana Madama. Poi - quasi come in pista - a S. Giacomo. Giro lungo che ci ha però consentito di spaziare su quasi tutta la conca del Gorfi. L'innevamento è più che sufficiente ma un po' di altra neve non guasterebbe. 
S. Giacomo (Demonte)
16/01/2010
Ottaviano Corradino
3-farina
-
-farina
-abbondante
-
-
Note : Abbiamo ieri deciso per il Grum immaginando poca gente, la quale viceversa -nella nostra immaginazione- avrebbe preferito il Gorfi. Al contrario ivi non v' era traccia né anima viva...mentre da noi un comodo solco indicava decine e decine di persone... avanti e poi dietro a noi. Peccato che il peggioramento del tempo e la scarsa visibilità sopraggiunta abbiano reso meno interessante la discesa effettuata sul versante WNW, su una farina di qualità comunque notevole. Nella parte bassa avremmo fatto meglio a circoscrivere il fondo del vallone passando sulla sinistra orografica, cosa invece fatta da un gruppo di graziose e balde fanciulle (tra cui Marcella che non vedevo da parecchio e che ho avuto il piacere di reincontrare) che ci hanno superato e preceduto in punta. La nostra salita è avvenuta con Marin B e Otto Corradino. 
S. Giacomo (Demonte)
16/01/2010
Ugo Bottari
3-farina
-
-farina
-abbondante
-
-
Note : Abbiamo ieri deciso per il Grum immaginando poca gente, la quale viceversa -nella nostra immaginazione- avrebbe preferito il Gorfi. Al contrario ivi non v' era traccia né anima viva...mentre da noi un comodo solco indicava decine e decine di persone... avanti e poi dietro a noi. Peccato che il peggioramento del tempo e la scarsa visibilità sopraggiunta abbiano reso meno interessante la discesa effettuata sul versante WNW, su una farina di qualità comunque notevole. Nella parte bassa avremmo fatto meglio a circoscrivere il fondo del vallone passando sulla sinistra orografica, cosa invece fatta da un gruppo di graziose e balde fanciulle (tra cui Marcella che non vedevo da parecchio e che ho avuto il piacere di reincontrare) che ci hanno superato e preceduto in punta. La nostra salita è avvenuta con Marin B e Otto Corradino. 
S. Giacomo (Demonte)
16/01/2010
Roberto Peano
3-farina
-
-farina
-abbondante
-
-
Note : Abbiamo ieri deciso per il Grum immaginando poca gente, la quale viceversa -nella nostra immaginazione- avrebbe preferito il Gorfi. Al contrario ivi non v' era traccia né anima viva...mentre da noi un comodo solco indicava decine e decine di persone... avanti e poi dietro a noi. Peccato che il peggioramento del tempo e la scarsa visibilità sopraggiunta abbiano reso meno interessante la discesa effettuata sul versante WNW, su una farina di qualità comunque notevole. Nella parte bassa avremmo fatto meglio a circoscrivere il fondo del vallone passando sulla sinistra orografica, cosa invece fatta da un gruppo di graziose e balde fanciulle (tra cui Marcella che non vedevo da parecchio e che ho avuto il piacere di reincontrare) che ci hanno superato e preceduto in punta. La nostra salita è avvenuta con Marin B e Otto Corradino. 
S. Giacomo (Demonte)
25/03/2009
Orlando Collino
4-ventata portante
-
-primaverile
-abbondante 50 - 150
-
-
Note :  
S. Giacomo di Demonte
05/02/2004
Luciano Savarino
4-trasformata
-
-
-abbondante
-
-
Note : Splendida gita, siamo ritornati anche oggi in questo vallone molto bello, la neve era ottima perfettamente trasformata cercandola sui costoncini esposti al sole e ripidi, tranne i primi 50/100 metri dalla punta leggermente ventata e dura. Ottima gita, ci manca ancora il Bram ed il Gorfi poi abbiamo completato tutto lo splendido anfiteatro. 
S. Giacomo di Demonte
31/01/2004
Flavio Galvagno
3-ventata in alto,discreta in basso
-
-
-abbondante
-
-
Note :  
S. Giacomo di Demonte
28/01/2004
Laura Martini
4-farina
-
-
-abbondante
-
-
Note : bella gita, bella neve cosa volere di più?