Nelle stagioni scialpinistiche precedenti questa gita è stata effettuata in queste occasioni :
Località di partenza
Data effettuazione
Autore segnalazione
Giud.
(1-5)
Qualità neve
(alto - metà - basso)
Altezza neve
(in quota - metà - partenza)
Pian della Ca'
21/05/2016
Tommaso Guasco
4-
-
-
-
-
-
Note : Partiti da Pian della Ca' abbiamo dapprima raggiunto il Colle del Brocan e siamo poi scesi sul versante S verso il Lago Brocan, neve molto marcia e brutta già alle 10.15 del mattino. Considerato il gran caldo decidiamo di salire subito all' Agnel dal Canale N e rinunciare ad altre divagazioni. Salita verso il canale su neve sfondosa poco incoraggiante... Per fortuna invece il canale si è conservato in buono stato nonostante il caldo africano, neve morbida, liscia e sicura! Arrivati in punta ci riposiamo un po' al sole e poi iniziamo la discesa che si rivelerà di soddisfazione! Per chi vuole farlo consiglio di non aspettare molto, ora è quasi perfetto e sicuro. 
Pian della Ca'
21/05/2016
Riccardo Murisasco
4-
-
-
-
-
-
Note : Partiti da Pian della Ca' abbiamo dapprima raggiunto il Colle del Brocan e siamo poi scesi sul versante S verso il Lago Brocan, neve molto marcia e brutta già alle 10.15 del mattino. Considerato il gran caldo decidiamo di salire subito all' Agnel dal Canale N e rinunciare ad altre divagazioni. Salita verso il canale su neve sfondosa poco incoraggiante... Per fortuna invece il canale si è conservato in buono stato nonostante il caldo africano, neve morbida, liscia e sicura! Arrivati in punta ci riposiamo un po' al sole e poi iniziamo la discesa che si rivelerà di soddisfazione! Per chi vuole farlo consiglio di non aspettare molto, ora è quasi perfetto e sicuro. 
Lago delle Rovine
24/05/2014
Riccardo Murisasco
5-Canale NO primaverile durissima. Altre esposizioni firn duro bellissimo.
-
-Firn e primaverile compatta
-
-
-
Note : Saliti venerdi sera, arriviamo al Genova che ormai fa buio. Il sentiero è ancora in parte ricoperto di neve e non molto agevole, il traverso sotto il lago della Piastra si fa in sci ma poi bisogna nuovamente toglierli x costeggiare il lungolago. Neve continua da 50/80 mt sotto al rifugio. Il rifugio è ancora chiuso e ci accomodiamo all' invernale nel sottotetto. Ci prepariamo la cena e divoriamo di gusto tutte le "prelibatezze" faticosamente portate su. Fuori tira un vento fortissimo e si sta bene sotto le coperte! Sabato mattina partiamo verso le 7.30 ed iniziamo l' avvicinamento al canale NO. Forte rigelo, neve molto dura e tratti verglassati costringono all' uso dei coltelli. Arrivati alla base del canale ed indossati i ramponi iniziamo la salita e subito mi rendo conto che la neve è troppo dura per la discesa in sci, bisognerebbe avere il tempo di aspettare un bel po' che il sole la smolli x bene. Saliamo il canale e giunti in cima optiamo per la discesa dal pendio canale E-NE, Bassa di Margot e poi a sx sugli splendidi pendii che portano ai canalini inferiori che permettono di ritornare al Lago Brocan. Discesa strepitosa!!! Tutti i pendii lisci come un biliardo e senza nessuna traccia!!! Canalino inferiore ancora ben innevato, si scende giù senza problemi. Dal Lago della Pistra in giù portage e due togli e metti. Ps mi hanno riferito che alle ore 13.30 il canale NO era ancora molto duro, se continua il rigelo è inutile partire presto. 
lago rovine
12/05/2012
Claudio Tortone
4-umida
-
-umida
-0-150
-
-
Note : Avevamo un conto in sospeso con questa punta e oggi è stata la scelta giusta perchè il canale era in perfette condizioni e l'itinerario non prendeva sole diretto (visto valanghe scendere dall'assolato brocan). la giornata era bellissima e l’assenza del rigelo notturno ha reso la discesa del canale ancora più sicura. Il panorama da qui è spettacolare sui gelas e bacino del chiotas e la neve anche se marciotta, si lasciava sciare bene. In salita gli sci si iniziano a mettere ,anche se su neve discontinua, sul traverso alto del vecchio sentiero, ma bisogna superare il lago del Brocan per non toglierli più. 
Rovina (lago della) - (Entracque)
13/05/2007
Sonia Balbis
3-primaverile
-
-primaverile
-a partire dal lago di Brocan sufficiente
-
-
Note : Gli sci si portano in spalla fino oltre il Rif. Genova, poi la neve è continua: purtroppo il canale dell'Agnel non è più in condizioni sciabili, piuttosto rovinato da residui di valanghe, pietre e un po' stretto; quindi abbiamo lasciato gli sci alla base e siamo saliti a piedi, calzando i ramponi (neve abbastanza molle in basso, decisamente più compatta salendo). Beppe è salito fino in cima, mentre io e Daniele abbiamo desistito a un centinaio di m dalla vettsa, dopo avere schivato un paio di belle pietre, per non sfidare eccessivamente la sorte. Comunque, bella discesa fino al lago su pendii ripidi: facendo attenzione all'esposizione, si trovava ancora neve buona. Comunque, siamo davvero agli sgoccioli. 
Rovina (lago della) - (Entracque)
20/05/2006
Roberto Peano
4-marcetta
-
-marcetta su fondo duro
-sufficiente da Rif Genova
-
-
Note : Saliti dalla Bassa Margot per la parete Est, itinerario che sia Kanalin che il sottoscritto mai avevano percorso in discesa. Gita molto bella per paesaggi e scorci mozzafiato. Conosciuto in punta Pierriccardo...ma senza curdin. In discesa dalla punta, anziché seguire il meno ripido percorso di salita, abbiamo preso la parete/canale a ds orografica -Bruno duce- un pò più impegnativa. Siamo quindi risaliti alla Bassa Margot un centinaio di metri. Qualità della neve non eccezionale, anche se averne sempre così !!!........ 
Rovina (lago della) - (Entracque)
20/05/2006
Riccardo Ranieri
5-primaverile, trasformata alle 12
-
-primaverile trasformata
-0/100
-
-
Note : Grazie all'imbeccata di Ugo di ieri. Confermo, stessa situazione di ieri: alle 12.30 il canale rea trasformato bene. Una dozzina di persone, alcuni scendevano già alle 11, ancora leggermente duretta, ma con i gradini fatti salire é una puppa!! Grazie! Incontrato in cima 2 Miti, amici di Ugo, che avevano fatto la salita via Bassa di Margot. Con la tavola, nel canale superiore a 45° non ho fatto tante curve, avevo un pò fifa di finire sulle rocce!! Il dislivello é dovuto alle terribili risalite dopo le discese dal Brocan e Chiotas 
Rovina (lago della) - (Entracque)
19/05/2006
Ugo Bottari
5-primaverile
-
-primaverile
-soddisfacente; neve continua dal Lago Brocan in su
-
-
Note : Due ore esatte con gli sci in spalla per ragggiungere la prima neve continua, ma ne è valsa la pena. In discesa, a valle del lago, ci sono numerosi fazzoletti di neve che consentono di ritornare al Lago della Rovina senza soverchia fatica. Il sentiero estivo a valle della strada lo si deve percorrere tutto sci in spalla, purtroppo. Il canale è abbastanza colmo e liscio pur se in salita piuttosto ghiacciato; basta attendere il momento giusto (verso l'una) per trovarlo con un'ottima neve primaverile appena ammorbidita dal sole; almeno questo è quello che è successo oggi ! Dalla base del canale fino alle acque (!) del Lago Brocan ancora meglio, se possibile. L'itinerario per il Colle Brocan è scarsamente innevato come pure quello per la Bassa Margot. 
Rovina (lago della)
29/05/2005
Ugo Bottari
4-un piccolo strato di marcia su fondo a volte consistente e d
-
-
-più che sufficiente da 2020-2040 in su
-
-
Note : Arrivati con gli sci in spalla poco a monte del Lago del Brocan abbiamo scelta la meta più remunerativa (sciisticamente) offerta dalla spopolata (di scialpinisti) conca del Brocan. Saliti senza soverchie difficoltà il canale (non sono necessari né picozza nè ramponi) ne siamo scesi cercando di evitare, specie nella parte mediata, una profonda rigola e facendo attenzione a dare la precedenza alle continue e copiose valanghette di pulizia da noi stessi provocate. Usciti dal canale abbiamo potuto spaziare a destra e a manca sui bellissimi e sostenuti pendii a monte del lago di Brocan, su una neve molto più consistente. 
Rovina (lago della)
29/05/2005
Sonia Balbis
4-un piccolo strato di marcia su fondo a volte consistente e d
-
-
-più che sufficiente da 2020-2040 in su
-
-
Note : Arrivati con gli sci in spalla poco a monte del Lago del Brocan abbiamo scelta la meta più remunerativa (sciisticamente) offerta dalla spopolata (di scialpinisti) conca del Brocan. Saliti senza soverchie difficoltà il canale (non sono necessari né picozza nè ramponi) ne siamo scesi cercando di evitare, specie nella parte mediata, una profonda rigola e facendo attenzione a dare la precedenza alle continue e copiose valanghette di pulizia da noi stessi provocate. Usciti dal canale abbiamo potuto spaziare a destra e a manca sui bellissimi e sostenuti pendii a monte del lago di Brocan, su una neve molto più consistente.