Nelle stagioni scialpinistiche precedenti questa gita è stata effettuata in queste occasioni :
Località di partenza
Data effettuazione
Autore segnalazione
Giud.
(1-5)
Qualità neve
(alto - metà - basso)
Altezza neve
(in quota - metà - partenza)
TETTI GAINA
25/01/2017
Riccardo Murisasco
1-20/30 cm su fondo duro, dipende dal vento
-Fresca su fondo irregolare tormentato - pericolosa e difficile
-Strada pistata
-
-
-
Note : Tempo brutto... Che fare??? Al posto del solito girettino sfigatello che si combina quando il tempo è brutto e la neve è poca, decido per un raid esplorativo nel Vallone del Souffi. Dopo poco più di un' ora di salita sulla strada innevata arriviamo sotto il pendio che porta su nel vallone. Già dal basso si intuisce che le condizioni sono quel che sono...Brutte! Ovviamente si concretizzeranno in qualcosa di ancor + peggiore del previsto!!! Inizio a tracciare faticosamente, ci sono da 5 a 30 cm di farina densa (a seconda di come il vento ha agito) su fondo duro ghiacciato, a ogni passo si scivola giù... Nevica piano, non ci sono rumori, sembra di essere fuori dal mondo... La balza che porta ai pendii superiori è un mix di palle di ghiaccio, rami e pietre affioranti ricoperte da un esiguo strato di neve fresca: salgo pensando a come sarà divertente la discesa... Dopo un discreto mazzo guadagniamo i magnifici pendii superiori, la quantità di neve aumenta e finalmente il fondo sul quale poggiano le ultime due nevicatine è meno peggio di sotto. Arriviamo con visibilità zero esattamente fino a quota 2300 metri, alla base del conoide del canale N del Souffi quando improvvisamente la nebbia scompare per un attimo e posso osservare bene il canale che risulta essere ancora molto molto magro, con pietre affioranti e strettoia modello cascatella di ghiaccio... Nonostante lo scarso dislivello siamo entrambi molto stanchi, fa un freddo boia e tira pure vento: dietrofront! Ci cambiamo a razzo, nuovamente avvolti dalla nebbia gelata e lesti iniziamo la discesa. Rigorosamente vicini alla traccia per veder qualcosa, il tratto superiore scorre con relativa facilità. Appena si giunge ai pendii centrali più ripidi e dal fondo irregolare inizia il bello... Non sto a fare molte descrizioni: immaginate vento, freddo, visibilità zero e neve fresca che ricopre trappole varie!!! Ero ben contento di avere il casco in testa!!! Ha ha ha!!! Post gita con ottima accoglienza al Bar Alimentari I Bateur La Bottega del Parco, nel centro di Sant' Anna di Valdieri, un carinissimo posto dove fermarsi in allegria per una birretta e un panino - è aperto tutti i giorni anche in inverno, tranne il lunedì e il giovedì. 
Terme di Valdieri (Valdieri)
27/04/2008
Ugo Bottari
4-primaverile dura
-
-marcetta a metà, compattata di valanga in basso
-abbondante nel canale, metti/togli-poco sulla strada x rif Bozano
-
-
Note : Bella gita, nell'ambiente spettacolare della Valle Gesso, con la balconata della Catena delle Guide, e poi del Corno Stella e di Lourousa. Peccato non abbia gelato di notte, per cui la neve non è stata in condizioni ottimali, come abitudine nel Souffi. Comunque più che accettabile, con partecipazione molto qualificata e presenza di sci-alpinisti liguri estremi, dalle capacità e tecniche impeccabili. Neve dura in alto, poi nella parte centrale marcia (e dal tipico colore bianco), a seguire primaverile rossastra nel canale. Si parte sci in spalla da Terme e li si possono mettere indicativamente alla prima valanga o un pò prima. In discesa sci alla macchina. 
Terme di Valdieri (Valdieri)
27/04/2008
Roberto Peano
4-primaverile dura
-
-marcetta a metà, compattata di valanga in basso
-abbondante nel canale, metti/togli-poco sulla strada x rif Bozano
-
-
Note : Bella gita, nell'ambiente spettacolare della Valle Gesso, con la balconata della Catena delle Guide, e poi del Corno Stella e di Lourousa. Peccato non abbia gelato di notte, per cui la neve non è stata in condizioni ottimali, come abitudine nel Souffi. Comunque più che accettabile, con partecipazione molto qualificata e presenza di sci-alpinisti liguri estremi, dalle capacità e tecniche impeccabili. Neve dura in alto, poi nella parte centrale marcia (e dal tipico colore bianco), a seguire primaverile rossastra nel canale. Si parte sci in spalla da Terme e li si possono mettere indicativamente alla prima valanga o un pò prima. In discesa sci alla macchina con un paio di metti/togli. 
Terme di Valdieri
07/04/2004
Laura Martini
3-all'andata sembrava cemento, al ritorno dura
-
-
-abbondante
-
-
Note : Come gita l'ho trovata abbastanza sostenuta, anche perchè la neve era veramente dura e non ha mollato inoltre tutto il percorso è ripido, a parte il tratto prima del canale finale (l'unico punto dove la neve era bella). Il canale finale è in pessime condizioni, svalangato con neve marcia e palle di neve ghiacciata, pressochè insciabile . Il tratto centrale è un pò lavorato (forse domenica che faceva caldo) e svalangato, con la neve dura ha richiesto attenzione.